Archivi

Hyper-V Command Line Tools: gestire le macchine virtuali senza Powershell su Server 2008 R2 e 2012

3 agosto 2018 di In: Script, Sistemistico

E’ possibile accendere, spegnere, resettare le macchine virtuali di Hyper-V senza utilizzare PowerShell.
BackupChain.com (che produce anche un software di backup) rende disponibily due strumenti avviabili da command line per gestire le macchine virtuali.
La sintassi è molto semplice

#Per avviare una VM:
HyperVUtils.exe "vmName" start
#Per spegnare una VM immediatamente (turn off brutale): 
HyperVUtils.exe "vmName" poweroff
#Per riavviare una VM:
HyperVUtils.exe "vmName" reboot
#Per resettare una VM:
HyperVUtils.exe "vmName" reset
#Per forzare uno spegnimento della VM e aspettare fino a 5 minuti per il completamento:
HyperVUtils.exe "vmName" forceshutdown
#Per effettuare uno spegnimento normale del guest OS e aspettare fino a 5 minuti per il completamento: 
HyperVUtils.exe "vmName" shutdown
 
#Esempio con un'attesa di 10 minuti:
HyperVUtils.exe "Win8 x64" shutdown 600

Trovate i due eseguibili qui: http://backupchain.com/hyper-v-backup/Hyper-V-Command-Line-Tools.html.
I file possono essere utilizzati liberamente ma non rivenduti senza il consenso degli autori.

Sophos AntiVirus: Come disinstallare i componenti Sophos

7 ottobre 2014 di In: Sistemistico

In un ambiente aziendale, dove è installato un server Sophos Enterprise Console, non è possibile disinstallare i componenti Sophos Endpoint Security and Control direttamente dalla console.
Si possono percorrere due strade:

1 – Disinstallare manualmente

L’unica cosa richiesta, oltre ad un utente amministratore (inserito nel gruppo Sophos Administrator locale o di dominio) è di seguire il seguente ordine di disinstallazione:

  1. Sophos AutoUpdate
  2. Sophos Client Firewall (Se installato)
  3. Sophos Remote Management System (RMS)
  4. Sophos Anti-Virus (richiede un riavvio per il completamento)

2 – Creare un file batch

Questo permette di eseguire il file manualmente o automaticamente anche da remoto, velocizzando molto le operazioni.
Per poter seguire questa strada è necessario conoscere i GUID dei componenti che si andranno a disinstallare. I GUID cambiano a seconda del componente e della relativa versione.

Per conoscere i GUID è necessario:

  1. entrare nei registri di sistema eseguendo regedit.exe
  2. navigare in HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Uninstall\
    (Nella versione x64 è necessario verificare anche la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Wow6432Node\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Uninstall)
  3. cercare tra le chiavi i componenti Sophos e, per ognuno, il valore di “UninstallString”
  4. copiare il contenuto di “UninstallString” in un file di testo che poi diventerà il file batch

Questa procedura richiederebbe tempo e varrebbe la pena solo se il numero di client da disinstallare sono molti.
Per questo il supporto Sophos mi ha fornito la lista (quasi completa) dei GUID. Quindi dovete solo controllare la versione dei componenti Sophos installati. La lista è disponibile qui sotto:


L’ordine di disinstallazione che Sophos richiede per questa modalità è diversa da quella precedente:

  1. Sophos Patch Agent
  2. Sophos Compliance Agent
  3. Sophos Remote Management System
  4. Sophos Client Firewall
  5. Sophos Anti-Virus
  6. Sophos AutoUpdate

Il vostro file batch dovrebbe essere simile a quello sottostante:

REM Arresto servizio di AutoUpdate
net stop "Sophos AutoUpdate Service"
 
REM Disinstallazione Sophos Remote Management System 				
MsiExec /X{FED1005D-CBC8-45D5-A288-FFC7BB304121} /qn REBOOT=SUPPRESS /L*v %windir%\Temp\Uninstall_RMS.txt
 
REM Disinstallazione Sophos Anti-Virus 10.3.2 and above 	
MsiExec /X{D929B3B5-56C6-46CC-B3A3-A1A784CBB8E4} /qn REBOOT=SUPPRESS /L*v %windir%\Temp\Uninstall_SAV10_Log.txt
 
REM Disinstallazione Sophos AutoUpdate 3.1
MsiExec.exe /X{D924231F-D02D-4E0B-B511-CC4A0E3ED547} /qn REBOOT=SUPPRESS /L*v %windir%\Temp\Uninstall_SAU.txt

Lo switch ” /qn REBOOT=SUPPRESS ” non riavvia la macchina alla fine della disinstallazione.
Lo switch ” /L*v %windir%\Temp\Log.txt ” permette la creazione di un file di log nel percorso specificato

Eseguite il file batch sulle macchine e buona disinstallazione!

Batch: cancellare un file in tutte le sottodirectory.

19 settembre 2011 di In: Sistemistico

Ho scoperto oggi che è possibile con un solo comando cancellare tutte le occorrenze di un file in una cartella e in tutte le sue sottocartelle con un semplice comando.

1
del /S [percorso] [nomefile]

Comando Sleep in Windows

19 settembre 2008 di In: Sistemistico

Ho scoperto da poco che in Windows non esiste un comando che abbia la stessa funzione di sleep in Unix.
Il comando Sleep in Windows esiste. Basta scaricare il Windows 2003 Resource kit questo indirizzo:
http://www.microsoft.com/windowsserver2003/downloads/tools/default.mspx.
Dopo aver installato il kit e aver messo la directory di installazione tra i path potrete utilizzare

C:\>sleep 5 (per attendere 5 secondi)

oppure

C:\>sleep -m 6543 (per attendere 6543 millisecondi)

Se non volete scaricare il malloppone esiste un workaround utilizzando il ping.

Quindi:

ping 127.0.0.1 -n [Numero di ping] -w [Time-out tra i ping in millisecondi] > nul

quindi se tra un comando e l’altro del vostro batch volete aspettare 10 secondi basta lanciare:

ping 127.0.0.1 -n 10 -w 1000 > nul

Windows – Impostare l’indirizzo IP via command line

7 settembre 2008 di In: Networking

Quante volte vi è capitato di dover perdere tempo a cambiare configurazione di rete perchè le reti a cui vi connettete durante la settimana sono tutte diverse? Quello che propongo in questo post è un esempio per creare tanti file batch che una volta lanciati cambiano la configurazione senza andare su “Connessioni di Rete -> Connessione alla rete locale (LAN)… etc”.

IP Statico

I comandi per impostare un indirizzo IP statico sono:

Postazione_1.bat

netsh interface ip set address “Connessione alla rete locale (LAN)” static [Indirizzo IP] [Netmask] [Gateway] 1

netsh interface ip set dns name=”Connessione alla rete locale (LAN)” source=static addr=[1° server DNS]

netsh interface ip add dns name=”Connessione alla rete locale (LAN)” addr=[2° server DNS] index=2

Quindi, banalmente, la prima riga imposta IP, Netmask e Gateway; nella seconda impostate il primo server DNS e nella terza il secondo server DNS di vostra scelta.

Nel caso in cui nella vostra configurazione necessitiate di un indirizzo IP secondario il comando da aggiungere al file batch è:

netsh interface ip add address “Connessione alla rete locale (LAN)” [Indirizzo IP] [Netmask]

In questo comando basta specificare indirizzo IP e Netmask.

IP Dinamico (DHCP)

Ammesso che nella vostra rete ci sia un DHCP server, ecco comandi per farsi assegnare un indirizzo IP dinamico:

dhcp.bat

netsh interface ip set address name=”Connessione alla rete locale (LAN)” source=dhcp

netsh interface ip set dns name=”Connessione alla rete locale (LAN)” source=dhcp

Molto più facile e veloce 😀

Metodo Alternativo

Esiste un metodo alternativo fornito sempre dal comando Netsh. Il comando

netsh -c interface dump > Postazione_1.txt

permette di fare una copia della configurazione di tutte le schede di rete in quel momento e riversarlo in un file txt. Lo stesso file txt può essere re-importato grazie al comando

netsh -f Postazione_1.txt