Backup differenziale e incrementale, compressione e deduplicazione

15 Dicembre 2012 di In: Sistemistico

Backup Differenziale
Backup cumulativo di tutti i cambiamenti effettuati a partire da un backup completo. Il vantaggio è il minor tempo necessario rispetto ad un backup completo. Lo svantaggio è che i dati da salvare aumentano ad ogni backup.

Backup Incrementale
Backup che contiene tutti i file cambiati dall’ultimo backup (completo e incrementale). Il backup incrementale è più rapido di quello differenziale ma richiede tempi di restore più lunghi poiché è necessario partire dall’ultimo backup completo e poi aggiungere in sequenza tutti i backup incrementali.

Compressione
La compressione è ottenuta tramite algoritmi di compressione, simili a quelli usati dai programmi più famosi come Winzip, WinRar, WinAce, prima che vengano registrati sul supporto di backup. Controllate il tasso di compressione, paradossalmente a volte non conviene effettuare un backup compresso. Il ripristino di eventuali dati è sicuramente più lento dato che l’archivio deve essere decompresso.

Deduplicazione
La deduplicazione (che significa “eliminazione dei duplicati”) è ottenuta tramite particolari algoritmi che possono agire a livello di singolo file o di blocco, inteso come insieme di file. La deduplicazione può essere eseguita prima, durante o dopo la copia di backup, in contemporanea o in differita rispetto alla normale operatività dei sistemi informatici.

Nessun commento presente